Istituto Secolare Cristo Re logo

Ottavio Leccese

Ottavio Leccese

Bitonto (Bari) 29 maggio 1918 - 1961 - Bitonto 17 dicembre 1997

Studia presso l'Università Cattolica di Milano, dove consegue la laurea in Lettere Classiche e maturò una severa e solida formazione intellettuale, mettendo in luce la sua intelligenza e volontà.
La sua ricchezza spirituale l’ha profusa a piene mani ovunque fosse chiamato ad offrire la sua collaborazione e il contributo della sua intelligenza. Innanzitutto nella scuola, era professore di Lettere nella scuola media, che considerava non come il luogo del semplice sapere umano, ma come istituzione chiamata a comunicare la scienza della vita. La scienza che forma l’uomo integrale, libero e responsabile. E le sue erano lezioni di vita.
Ed è stato così l’apostolo zelante della carità cristiana, l’amico testimone sincero dell’esperienza di carità vissuta, lui sempre il primo nell’azione del fraterno sostegno, il primo nella presenza accanto al sofferente, all’indigente, al bisognoso di una parola salvifica.
Fu presidente di A.C. nella diocesi di Bitonto e presidente dell'orfanotrofio della sua città.
Amò ed animò la Conferenza di S.Vincenzo de’ Paoli, amico fraterno dei bisognosi e di chi soffre: questa la nota caratteristica di Ottavio specie negli anni della pensione. Dedicò fruttuosamente il suo tempo nel confortare, aiutare, offrire la luce e il calore dell’amore di Dio. Gli anziani, i malati, i non vedenti furono la sua predicazione. Quotidianamente visitò coloro che giacciono nel letto del dolore. Aveva assimilato il Vangelo facendone norma di vita. Tra i suoi concittadini qualcuno lo ha definito: "Un grande uomo"; un altro: "Un uomo scomodo per la sua rettitudine"; mons. Pasquale Piarro: "Un cristiano vero".