Istituto Secolare Cristo Re logo

Girolamo (Momi) Bevilacqua

Girolamo (Momi) Bevilacqua

Chiampo (VI) 13 gennaio 1926 - 1957 - Chiampo 3 settembre 2015

Dopo gli studi di scuola elementare e un corso serale per disegnatore, svolse diversi lavori prima nei campi poi fu scalpellino e in seguito fattorino in una ditta di lavorazione del marmo, con turni anche notturni; infine lavorò come impiegato in una conceria.
Intensa la sua vita di apostolato: ricoprì l'incarico di presidente nell'associazionismo cattolico della sua zona, animato da autentico zelo di carità, da giovane ha percorso, in bicicletta, le zone del vicentino per organizzare incontri, animare riunioni di preghiere, specie per i giovani, tenere i contatti fra le varie parrocchie.
Fu attivo in strutture pubbliche e associazioni: presso la Scuola materna (fu Presidente), il Movimento Laici America Latina, un gruppo di sostegno agli alcolisti, e la Casa di riposo del suo paese per la quale fu presidente per lunghi anni, dedicando molto del suo tempo al suo funzionamento e presso la quale ha trascorso gli ultimi mesi della sua vita.
Nel 1971 fece visita ad alcuni fratelli dell'Istituto che lavoravano nell'ex Zaire, oggi repubblica democratica del Congo e fu tra i primi soci dell’associazione Mondo Giusto.
Fu promotore di molte iniziative per fare conoscere l'Istituto e per coltivare la fraternità con i fratelli del sud Italia, promosse con altri amici del nord alcuni viaggi per incontrare la "diaspora" del meridione.
Scriveva spesso per "Comunicare" il notiziario dell'Istituto, in un numero del 1981, troviamo queste sue parole: "Sì, i santi ci sono anche oggi. Possono essere persone semplici con le quali viviamo ogni giorno, persone chiamate da Dio a grandi posti di responsabilità nella gerarchia della Chiesa, o possono essere coloro che si trovano a combattere la battaglia della giustizia e della libertà democratica o della fraternità. Possono essere coloro che si trovano in "bella solitudine", ignorati e soli, coloro che vivono ogni giorno una qualsiasi delle condizioni delle Beatitudini".